Gli ultimi giorni dell’anno li abbiamo trascorsi a Lung Nam Tha.

Siamo arrivati da Muang Sing il 30 dicembre e tra cercare un ostello e fare un giretto per la città si è fatto sera.

L’ultimo giorno del 2012, è stata una giornata stupenda!! Sfidando le nuvole grigi, la minaccia di pioggia e con una cartina che si capiva poco, abbiamo noleggiato un motorino e siamo andati a visitare i dintorni di Luang Nam Tha.
Paesaggio di Luang Nam Tha in Laos Abbiamo imboccato la strada che arriva ad una cascata e passando per alcune comunità di Black Thai (il nome deriva dalla giacca nera che indossano le donne). Ci siamo fermati per visitare una scuola senza studenti (arriviamo sempre tardi) e ci siamo messi ad osservare una signora che con delle foglie di palma stava preparando ciò che sarebbe stato il nuovo tetto della sua casa. Con lei c’erano dei bambini che all’inizio tutti contenti ci salutarono “Sabaidee!!!”, poi quando videro che prendevamo la macchina fotografica in mano, si nascosero dietro la casa senza però smettere di guardarci e salutarci. Ritornammo al motorino per proseguire ma, una volta arrivati li, ci siamo resi conto che non avevamo più la chiave. Cercammo da tutte le parti: nello zaino, nella custodia della macchina fotografica, rifacemmo il percorso che avevamo fatto a piedi ma nulla. Non sapevamo più che fare, per fortuna alla fine arrivarono due dei bambini che avevamo visto vicino alla scuola ed uno di loro ci dette la chiave che probabilmente ci è caduta caduta dalle tasche; ufffff meno male!!!

Arrivando alla cascata, abbiamo attraversato altre comunità, abbiamo visto una cerimonia che non sappiamo per che cosa fosse e dei bambini giocare con una trottola. Il gioco consisteva nel tirare la trottola con un bastone al quale era attaccata una cordicella e gli altri con altre trottole dovevano come sbocciarla.
Giocando alla Peonza in LaosLa cascata dove siamo arrivati alla fine del tragitto era piccolina ma carina, qui abbiamo incontrato un gruppo di ragazzi e ragazze con varie bottiglie di birra che andavano a fare festa.

Continuammo il cammino verso un tempio che si trova in una collina vicino alla città, non entrammo perché c’era un signore anziano che voleva 2 eur a testa per farti entrare nel tempio. Abbiamo fatto alcune foto dall’esterno e ce ne siamo andati sotto l’occhio arrabbiato del signore. In Laos al momento sembra che tutti i templi siano a pagamento (in Thailandia si pagano solo i templi di valore storico e culturale). Arrivammo anche ad una stupa alla quale si accede attraverso una lunghissima scalinata.
Pregando in LaosSiccome qui la cosa più interessante da vedere sono le comunità ci rimettemmo in moto per vederne altre. Era l’ultimo giorno dell’anno ed anche qui si festeggia alla grande. In tutti i villaggi c’erano gruppi di uomini e di donne che celebravano. Alcune persone lavoravano nei campi, ma la cose che si notavano di più nei villaggi erano la musica altissima, una quantità indescrivibile di persone cantando al karaoke (qui impazziscono per il karaoke) e le riunioni di amici e familiari. Qui si inizia a festeggiare sin dalle prime ore del pomeriggio!!! Villaggio in LaosPassammo di villaggio in villaggio, molti bambini ed alcuni adulti ci ricevevano con un gran “Sabaidee!!!”. Ad un certo punto siamo arrivati ad una casa dove dei ragazzi giocavano a Sepak Takraw con un pallone di bambù. E’ uno sport tipo la pallavolo nel quale però si usano solo i piedi e la testa. Nemmeno a dirlo Gábor si mise a giocare con loro, giocò un bel po’ e si divertì moltissimo!! Nel frattempo Rachele gli faceva alcune foto ed immortalava dei bimbi nelle vicinanze.
Giocando a Sepak Takraw a Luang Nam Tha in LaosPer salutare il 2012 siamo andati al mercato notturno ed abbiamo mangiato anatra ai ferri e riso appiccicoso (sticky rice), una specialità Laotiana, il tutto accompagnato da una fresca Beer Lao, la birra di qui. L’anatra era buonissima e si sposava divinamente con la birra.
Cena di fine anno a Luang Nam Tha in LaosQuesto è stato per noi un anno grandioso ricco di esperienze, nuove amicizie e la realizzazione del viaggio della nostra vita! Lo abbiamo celebrato in vero stile “viaggiatore”. Il 2012 è stato un anno che difficilmente si potrà superare!!

Dal Laos vi auguriamo Felice Anno Nuovo!!!

Inizia ad organizzare il tuo viaggio