Montevideo dista solo un paio di ore da Colonia, il viaggio come sempre lo abbiamo fatto in autobus, solo che questa volta è stato più divertente perché nei bus Uruguaiani c’è quasi sempre il wi-fi; così abbiamo approfittato per chiamare a casa. Nella capitale Uruguaiana ci aspettava August un ragazzo di Barcellona, che Rachele già conosceva, che si è trasferito a Montevideo perché durante il suo giro del mondo ha conosciuto Alejandra, una ragazza Uruguaiana. Fin dal primo momento con August e Alejandra ci siamo sentiti come in casa, ci hanno aiutato molto a preparare l’itinerario per visitare Uruguay e ci siamo anche tanto divertiti assieme parlando, ridendo e scherzando.

Il giorno successivo al nostro arrivo siamo andati a visitare la città. Ale ci aveva preparato l’itinerario con tutte le cose che dovevamo assolutamente vedere nella capitale. Lei conosce il suo paese molto bene ed il suo aiuto è stato super mega prezioso. Per fortuna il mal tempo, che ci aveva accolto all’arrivo in questo paese, se ne andò lasciando spazio ad un solleone incredibile e perfetto per continuare il nostro viaggio alla scoperta dell’Uruguay. Montevideo è una città abbastanza tranquilla e non pericolosa, qui ci sono molte piazze ed il centro storico è molto carino. La piazza più famosa è la Piazza Indipendenza che è dominata dal palazzo Salvo (al momento della costruzione era il palazzo più alto di tutto il Sud America).

Piazza Indipendenza

Siamo andati poi a fare una visita guidata gratuita (il mercoledì c’è la visita gratuita in spagnolo) del teatro Solis, un teatro molto simile alla scala di Milano solo che è più piccolo. Qui in Sud America tutto è abbastanza nuovo quindi qualsiasi cosa che si può visitare per noi sembra non essere molto antico mentre per i sudamericani lo è. Come poteva poi mancare una scappata al mercato? Il mercato di Montevideo è un mercato particolare, perché ci sono un sacco di ristoranti dentro ma non dei ristoranti normali, in questi posti si mangia la carne ai ferri ed ognuno ha una brace in cui si sta cucinando la carne e tu scegli il pezzo che preferisci. Per noi è stata una cosa nuova vedere un mercato così e credo anche non ce ne siano molti altri al mondo. Anche in Uruguay la carne è mooooolto buona!!!!!!

Mercato del porto

Dopo aver visitato il centro siamo andati a passeggiare per la Rambla di Montevideo (per noi lungomare) che costeggia la costa ed è lunga più di 20 km. La Rambla è un posto super frequentato dalle persone locali che fanno sport come jogging, vanno in bicicletta, pattinano, fanno una passeggiata o semplicemente si trovano con gli amici per bere mate e guardare il tramonto. In Uruguay il mate è sacro, si vede moltissima gente camminare con il termos dell’acqua calda sotto il braccio ed il recipiente del mate in mano. Anche noi abbiamo passeggiato per la Rambla per quasi un’ oretta per arrivare poi al “Casal Català” di Montevideo dove August ci aspettava. Il Casal Catalá è un posto in cui le persone catalane che vivono a Montevideo si incontrano. Qui fanno anche corsi di catalano ed altre attività connesse alla cultura catalana. Noi siamo andati li per vedere la partita del Barça; ci è sembrato un po’strano vedere una partita di calcio alle 4 del pomeriggio. Dopo la partita, con August siamo andati al faro di Montevideo a vedere il tramonto, molto suggestivo!!

Tramonto a Montevideo

Rambla Montevideo

Alla sera siamo andati a casa a prendere Ale e siamo andati a mangiare indovinate un po’ cosa? Esatto!! carne ai ferri in un posto nella zona di Pocito. Non c’è che dire anche questa carne era incredibilmente buona!!! Il nostro colesterolo sarà alle stelle!!! E con una buona carne non poteva certo mancare una buona birra, vi presentiamo Patricia la nostra bionda Uruguaiana!!

Pulperia Montevideo

Per chiudere la serata in bellezza arrivati a casa abbiamo bevuto un liquore di crema catalana che i genitori di August gli avevano portato. Con la pancia piena, siamo andati a letto. Cabo Polonio ci aspetta!!!!!!

Inizia ad organizzare il tuo viaggio