Dopo poco più di un mese in cui ci siamo riposati, abbiamo trascorso del tempo con la famiglia e gli amici, abbiamo mangiato le cose buone dei nostri paesi ed abbiamo fatto una capatina nella nostra città adottiva, Barcellona, ci siamo rimessi lo zaino in spalla ed abbiamo salutato l’Europa per un altro po’ di tempo.

Vogliamo ringraziare tutti gli amici Ungheresi, Italiani e Spagnoli che ci hanno dimostrato il loro affetto e la loro amicizia sia durante la prima parte del viaggio sia nei giorni che siamo rimasti a casa, ci siamo divertiti un sacco con voi e non vediamo l’ora di rivedervi tutti!!!!!! Abbiamo lasciato Barcellona la mattina e dopo 14 ore di viaggio ed uno scalo a Doha in Qatar siamo arrivati a Bangkok alle 7 della mattina, praticamente abbiamo saltato la notte. Bangkok è stata la nostra porta d’entrata nel continente Asiatico. Questa volta abbiamo comprato solo il biglietto di andata in modo da avere ancora più libertà rispetto alla prima parte del viaggio…. Vediamo se torneremo hahaha!!!!!

Arrivare a Bankgok e trovare 30 gradi fu un enorme piacere specialmente dopo le ultime giornate fredde trascorse a Barcellona, che bello siamo al caldo!!! e per quelli che conoscono Rachele sanno quanto è felice!!! Non ci siamo fermati nemmeno un giorno a Bangkok, ci ritorneremo più avanti  prima di entrare in Myanmar. Ci siamo diretti subito alla stazione dei treni ed abbiamo preso un treno per la parte nord della Tailandia. In Tailandia ci sono tre tipi di treno: ordinario – come i nostri regionali che si fermano ad ogni passo, il rapido – come i nostri intercity senza aria condizionata che fanno meno fermate rispetto agli ordinari ed l’espresso – che si ferma pochissimo ha aria condizionata e costa un occhio della testa.

La nostra prima destinazione è stata Lopburi, una piccola città a tre ore da Bangkok. Stavolta il fuso orario si è fatto sentire eccome, in più  avevamo anche saltato la notte ed  è stato quasi impossibile non addormentarsi nel tragitto.  Arrivati a destinazione verso il primo pomeriggio con un caldo da morire ci siamo sentiti sollevati quando abbiamo occupato la nostra stanza. Siamo andati a mangiare una cosa ed abbiamo trascorso il resto del pomeriggio in stanza mezzi addormentati, nemmeno il giorno successivo fu facile alzarsi.

Lopburi è una città molto tranquilla poco turistica, qui abbiamo avuto il primo contato con  gli splendidi templi tailandesi.  La caratteristica di questa città è che si sono scimmie da tutte le parti e perfino in hotel ti raccomandano di tenere le finestre chiuse altrimenti le scimmie entrano e ti rubano. Passeggiando per Lopburi si respira una aria tranquilla di paese e si ha la possibilità di entrare in contatto con la vera cultura tailandese.

Tra tutti i templi che ci sono, alcuni dei quali abbastanza rovinati, quello che forse è il più bello è il templo Prang Sam Yot, dove tra l’altro vivono centinaia di scimmie.

Come sempre ci siamo messi d’impegno per fare onore alla cucina locale ed abbiamo provato i piatti tipici della cucina tailandese nei banchetti in strada dove si può mangiare per meno di un euro. Nemmeno a dirlo abbiamo provato il Pad Thai che è forse il piatto più conosciuto tra gli stranieri che contiene una specie di spaghetti , uova, pollo o maiale, verdura ed alcune salse.

Lopburi è stato un inizio di viaggio veramente piacevole, ci siamo recuperati dal fuso orario, abbiamo visto i primi templi tailandesi e ci siamo immersi nella cultura locale. Continuiamo  verso nord, altri templi ci aspettano!!

VEDI ITINERARIO DI VIAGGIO IN THAILANDIA COMPLETO

Inizia ad organizzare il tuo viaggio